La guerra d’Algeria e il “manifesto dei 121”

Nel 1960 un gruppo di intellettuali sottoscrive il “manifesto dei 121”, che denuncia la brutale repressione e l’uso sistematico della tortura praticata dall’esercito francese in Algeria, e solidarizza con l’insubordinazione alle gerarchie militari e con il sostegno alla causa della indipendenza algerina. È un episodio della storia politica e culturale del Novecento da rimeditare nella sua complessità. Chiude il libro la testimonianza di Louisette Ighilahriz, algerina militante all’epoca nel Fronte di liberazione nazionale.


Cesare Pianciola è storico e filosofo torinese. Fa parte del comitato direttivo del Centro studi Piero Gobetti e ha collaborato a numerose riviste e iniziative. Con Franco Sbarberi ha curato e introdotto la raccolta di inediti di Norberto Bobbio, Scritti su Marx. Dialettica, stato, società civile (Donzelli, 2014).

Prezzo: 8.00€

Loading Aggiornamento carrello...

Le persone che hanno acquistato questo articolo hanno anche acquistato