Products Page

“Gli asini” n. 60, febbraio 2019

aria, aria / a questa prigione infetta

IN CASA
Il ministro che giurò sul Vangelo di Rinaldo Gianola
Che fare, dopo il decreto sicurezza di Mimmo Perrotta e Savino Reggente
Ancora sul decreto di Salvini di Vittorio Cogliati Dezza
Il daspo urbano e la trappola del decoro di Federica Graziani
Roma, disastro a 5stelle di Paolo Berdini
La città più sporca d’Italia di Simone Sapienza
Come cambia Palermo di Leoluca Orlando incontro con Andrea Inzerillo
Orizzonti e non confini. Sindaco nel Cadore di Alessandra Buzzo incontro con Nicola De Cilia
I luoghi di don Peppino, 25 anni dopo di Nicola Alfiero
Una nuova rivista: “Lo stato delle città”

PIANETA
Gilet gialli: 1 Asini siate e non pecore matte di Francesco Ciafaloni
2 Sfumature di giallo di Piergiorgio Giacchè
3 Il caso Macron di Vittorio E. Parsi
4 Il campo delle possibilità di Michelle Zancarini-Fournel
L’Europa verso le elezioni di Oreste Pivetta
Brasile: i ministri in divisa militare di Lucia Capuzzi

EDUCAZIONE E INTERVENTO SOCIALE
Un film giapponese per una nuova famiglia di Goffredo Fofi
Ada Gobetti e “Il giornale dei genitori” di Sara Honegger
Una maestra in Palestina di Livia Cozzolino
L’eterno ritorno del fascismo di Erminio Ferrari

POCO DI BUONO
Poesie di Denise Levertov a cura di Paola Splendore
Per Amos Oz di Gianni Turchetta
I racconti di Grace Paley di Paolo Cognetti
Letteratura italiana di oggi di Gianluigi Simonetti incontro con S. Guerriero e N. Villa
Kepler-452: teatro per la città di Rodolfo Sacchettini

STORIE
Vento sul Sulcis di Michela Calledda
La puzza dalle parti di Roma di Nicola Ruganti
Viaggio in Eritrea, in tempo di pace di Davide Minotti

I DOVERI DELL’OSPITALITÀ
Ricordo di Modigliani di Osvaldo Licini
I disegni di questo numero sono di Guido Pigni

Prezzo: 10.00€

Caricamento... Aggiornamento carrello…

“Gli asini” n. 61, marzo 2019

non posso continuare, continuerò

IN CASA
La fine dell’accoglienza di Savino Reggente
Le città al tempo del turismo di massa di Anna Fava
Le diaspore iniziano a organizzarsi di Ahmed Diabatè incontro con Luigi Monti
Il capitalismo cambia i mezzi e non i fini di Dario Guarascio
Minoranze in Comelico di Lucio Eicher Clere e Samuele De Bettin a cura di Nicola De Cilia
Conflitti ambientali a Sulmona e in Abruzzo di Savino Monterisi

PIANETA
Il Venezuela nel caos di Lucia Capuzzi
Pensare l’Africa con Achille Mbembe di Livia Apa
Note per un Manifesto femminista di Cinzia Arruzza, Tithi Bhattacharya e Nancy Fraser
I paradossi della crisi europea di Enzo Traverso

EDUCAZIONE E INTERVENTO SOCIALE
Che fine ha fatto l’Educazione civica? di Franco Lorenzoni
Salute e sicurezza, una prospettiva internazionale di Laurent Vogel
Le manipolazioni della ricerca scientifica e la salute pubblica di Enzo Ferrara
La salute e la sicurezza dei lavoratori in Italia di Franco Carnevale

Poco di buono
Poesie di Aleksandr Puškin nella traduzione di Annelisa Alleva
Houellebecq 1. Come restare soli, nonostante tutto di Marco Gatto
2. Un romanzo depresso di Piergiorgio Giacchè
3. Florent-Claude nell’Europa del 2018 di Nicola Lagioia
Giulia Corsalini, tra Kiev e Macerata di Sara Honegger
“Roma” di Cuarón, un falso bel film di Scout Tafoya

STORIE
Overload. Storia di uno spettacolo di Daniele Villa (Sotterraneo)

I doveri dell’ospitalità
Charlot e la bomba secondo James Agee di Saverio Esposito

I disegni di questo numero sono di Stefano Ricci

Prezzo: 10.00€

Caricamento... Aggiornamento carrello…

Storia del separatismo siciliano 1943-1947

di Marcello Cimino

“L’idea di indipendenza era in quel tempo, gli ultimi mesi del 1943, non l’idea di un partito ma il comun denominatore di tutte le nascenti o rinascenti idee politiche, dal vagheggiamento di una repubblica sovietica siciliana alla nostalgia del preborbonico regno di Sicilia.”

Un’inchiesta che ha per oggetto le origini del Movimento per l’indipendenza della Sicilia nel 1943, l’Evis (l’Esercito volontario per l’indipendenza della Sicilia), gli arresti e le persecuzioni poliziesche nel 1945, gli intrighi nei salotti di Palermo, il gioco ambiguo della mafia, le intese col bandito Giuliano, i retroscena diplomatici, le trattative con la monarchia sabauda alla vigilia del referendum. Una rievocazione fondata sulle testimonianze dei protagonisti che Marcello Cimino ricerca e sollecita a ricordare e a riferire perché “sono eventi da non lasciare nell’oblio. Oltrettutto da essi è nato il regime di autonomia speciale oggi vigente in Sicilia la cui data di nascita è il 15 maggio 1946, proprio nel pieno degli avvenimenti rievocati in questa inchiesta”.

Marcello Cimino nacque a Palermo nel 1920. Collaborò con vari periodici nazionali e locali, tra cui “l’Unità”. Si iscrisse al Pci nel 1945. Nello stesso anno divenne redattore del quotidiano “La Voce della Sicilia” e in seguito entrò nella redazione del settimanale “Chiarezza”. Dal 1959 al 1975 fu redattore de “L’Ora” di Palermo; fu presidente dell’Ordine dei giornalisti in Sicilia. All’interno del partito comunista fu segretario della federazione del Pci di Agrigento dal 1948 al 1952, vicesegretario della federazione palermitana, membro della segreteria regionale del Pci e infine direttore dell’archivio dell’Istituto Gramsci di Palermo. Morì nel dicembre 1989.

isbn 9788863572414| pag. 204 | 16 euro

Prezzo: 16.00€

Caricamento... Aggiornamento carrello…